Come stendere il bucato: 7 piccoli trucchi per facilitare la stiratura

Stendere il bucato in modo intelligente per ridurre al minimo anche le pieghe più ostinate. Scopri come.

Autore: Editore: Polti Italia Data di pubblicazione:
Come stendere il bucato: 7 piccoli trucchi per facilitare la stiratura

A chi non piace essere sempre in ordine, indossando capi puliti e senza pieghe? Certo, stirare è piuttosto impegnativo, soprattutto se ci si dedica con superficialità all’attività che lo precede: stendere il bucato. Inoltre la vita frenetica e i molti impegni quotidiani tolgono tempo alle varie faccende domestiche, tra cui lo stiro.

Perché non facilitare questo lavoro partendo dal principio?! Il primo passo per facilitare la stiratura è prendersi cura dei capi prima che arrivino sull’asse da stiro: stendere il bucato, ad esempio, è un’operazione molto sottovalutata, ma importante per non rovinare i tessuti degli abiti.

Un capo ben steso mantiene meglio la forma e presenta molte meno pieghe, agevolando la stiratura. Anzi, a volte la evita del tutto!

Ecco i 7 consigli per stendere il bucato, alleggerendo poi il lavoro di stiratura.

  1. Il primo step quando si è davanti allo stendino, è quello di sbattere bene i panni prima di appenderli: farlo energicamente per 2-3 volte consente di evitare la successiva fatica durante la fase di stiro. Questo vale sia per i tessuti più pesanti, sia per quelli che tendono ad avere molte pieghe come ad esempio il lino.
  2. Durante le giornate molto calde, con il sole forte, è bene stendere il bucato all’ombra. In questo modo si evita che i raggi solari induriscano il tessuto, rendendolo quindi più complicato da stirare. Inoltre stendere i panni al rovescio è una buona abitudine per proteggerne il colore.
  3. Anche la scelta delle mollette può influire sui risultati di asciugatura. Alcune infatti lasciano il segno sul tessuto: è bene preferire mollette di plastica e, quando possibile, usare appendini e grucce. Ad esempio, le magliette possono essere stese appendendole con le mollette dove ci sono le cuciture sotto le ascelle, mentre per camicie e maglie più pesanti sarebbe meglio aiutarsi con appendini: è sufficiente chiudere i bottoni e tirare il tessuto per stendere le cuciture.
  4. Anche pantaloni e gonne meritano attenzione, soprattutto se sono particolarmente pesanti. Appenderli dalla vita, tirando le cuciture e sistemando bene le tasche permette di avere un capo quasi senza pieghe.
  5. Infine, si consiglia di stendere i maglioni più pesanti, in lana o cashmere, appoggiandoli sulle stendino in orizzontale, in modo da evitare di farli deformare. Un consiglio d’altri tempi consiste nell’infilare un vecchio paio di collant nelle maniche e poi appendere “i piedi”, fissandoli con qualche molletta.
  6. Non è necessario stirare le tende: appendendole quando sono ancora leggermente umide, il loro peso sarà sufficiente per eliminare la maggior parte delle pieghe. Per rendere il risultato perfetto un segreto è vaporizzarle in verticale.
  7. Un aiuto anche per le lenzuola, difficili da stendere. Basterà appenderle per le estremità con tante mollette formando un sacco: questo favorirà il passaggio dell’aria e contribuirà a ridurre i tempi di asciugatura.

 

Non dimenticare anche che le nuove tecnologie arrivano in soccorso per chi ha difficoltà nello stiro. Oltre a questi piccoli accorgimenti, con i nuovi ferri da stiro con caldaia di ultima generazione stirare a vapore diventa semplice anche per chi è alle prime armi: adatti a qualsiasi tessuto, alcuni hanno anche una piastra arrotondata multidirezionale che permette di eliminare facilmente tutte le pieghe.

 

Stendere i capi con criterio e stirare con un buon ferro da stiro con caldaia è il connubio perfetto per ridurre il tempo da dedicare a queste attività e godere di più tempo libero.

I servizi di Polti