Prendermi cura delle mie piante, ormai lo sapete, è una delle cose che più mi piace fare e che più mi mette di buon umore (dopo le pulizie ovviamente). A casa ne ho tantissime e sempre di nuove e le tratto un po’ come se fossero le mie bimbe. 

Sono Luca Guidara e vi svelo la mia guida per far crescere e prosperare in modo sano e vigoroso anche le vostre piante da appartamento.

Prendersi cura delle piante: luce e umidità

Ogni pianta d'appartamento ha una collocazione preferita. I cactus preferiscono posizioni soleggiate mentre le piante verdi, come potos e ficus, vogliono meno luce o comunque non amano la luce solare diretta. Poi ci sono piante come le felci che preferiscono l’ombra e necessitano di tanta umidità (quindi sono perfette per il bagno, mia madre ne ha qualcuna).

Se poi sono posizionate vicino ai termosifoni ricordate che avranno bisogno di più acqua o seccheranno rapidamente.

Da non trascurare anche il fattore clima: molte piante richiedono che l’ambiente abbia un'umidità di circa il 60-70%. Per questo motivo conviene spruzzare regolarmente le piante con acqua e pulire le foglie dalla polvere, soprattutto in inverno con l'aria calda del riscaldamento o nelle estati calde. Qualche volta, io le coccolo anche bagnandole a pioggia sotto la doccia. In alternativa è possibile ricreare un clima un po’ “tropicale” anche con un pulitore a vapore, ad esempio vaporizzandole a distanza col mio Polti Vaporetto 3 Clean.

Polti Vaporetto 3 Clean

Il pulitore a vapore 3 in 1 per igienizzare tutti i pavimenti e le superfici lavabili.

 Annaffiare correttamente

Il mio consiglio è quello di farlo ad intervalli regolari utilizzando acqua dolce. Ogni specie, però ha le sue esigenze: per prendersi cura delle piante è opportuno informarsi sempre sulle singole tipologie e, nel dubbio, non innaffiatele mai troppo o potrebbe verificarsi un ristagno d'acqua che le porta a marcire. 

Se siete pigri o dimenticate spesso di innaffiare le vostre piante, i cactus fanno al caso vostro visto che richiedono poca acqua e possono sopravvivere col terriccio asciutto per lungo tempo.
Non dimenticate che le piante d'appartamento hanno bisogno di più acqua nella stagione calda. In inverno, invece, è opportuno ridurre l'irrigazione perché vanno in “letargo”.

Pulizia e cura delle piante: come lucidare le foglie

Lo sporco, lo sappiamo bene, arriva ovunque e anche le piante d’appartamento diventano piene zeppe di polvere, respirando con difficoltà. Io utilizzo vari metodi naturali per prendermi cura delle mie piante, per nutrirle e lucidare le foglie. Può bastare un panno inumidito con una miscela di acqua e latte in parti uguali oppure passare una buccia di banana. Spesso mi trovo a ripulirle con il vapore con Polti Vaporetto Style. Basta utilizzare il pulitore portatile, regolare il vapore al minimo e mantenersi ad una distanza adeguata dalla pianta per far brillare le vostre piante come non mai.

Se invece avete bisogno di uno strumento più compatto e mirato allora Polti Vaporetto First è quello che fa per voi.

Polti Vaporetto First

Pistola a vapore con getto potente per le pulizie mirate.

Terreno e rinvasi

Avere cura della “casa” delle nostre piante è un altro elemento da non trascurare. È necessario utilizzare terricci specifici, che siano in grado di immagazzinare acqua e sostanze nutritive rilasciandole quando necessario e concimi naturali che contengano i nutrienti principali (io scelgo sempre quelli con azoto, fosforo, potassio, ferro e magnesio).

Vaso e terriccio vanno cambiati non appena si nota un arresto nella crescita della pianta. Questa infatti non potrà prosperare se non ha a disposizione spazio per le radici e terreno fertile.

Io consiglio di effettuare il rinvaso in primavera, quando spuntano le nuove foglie e compaiono i primi germogli.. oppure potete approfittarne quando il vostro gatto scava all’interno dei vasi (Iago ne sai qualcosa?!). Io e la mia scopa multifunzione vapore aspirazione finiamo poi il lavoro aspirando tutta la terra che inevitabilmente finisce in ogni dove e igienizzando il pavimento col vapore.

Rimedi naturali contro i parassiti

Per capire rapidamente cosa manca a una pianta d’appartamento io guardo sempre le sue foglie. Se cadono o diventano secche è perché non ha abbastanza luce mentre se cominciano a notarsi delle macchie vuol dire che c’è un ristagno d’acqua e quindi il terriccio deve essere mantenuto più asciutto.

Altra cosa da fare è stare attenti ai parassiti, come ragnetti rossi e cocciniglie, che danneggiano le piante a causa della loro capacità di succhiarne la linfa e possono espandersi anche alle loro vicine. Per eliminarli bastano dei comunissimi olio di semi specifici per la cura delle piante oppure l’olio di neem, efficaci contro molti insetti.

Insomma, basta saper rispondere in tempo ai segnali di avvertimento e le vostre piante non potranno far altro che crescere rigogliose!

Spero davvero che questa guida vi possa essere utile nel fare crescere sane e forti le vostre amiche verdi, perché un vero #homelover ha (anche) il pollice verde!